I sionisti mi han portato via tutto, la casa, il cascinale, la mucca, il violino, la scatola di cachi, la radio a transistor, i dischi di littletoni, la moglie... mi hanno ammazzato anche il maiale! E c'erano tanti maiali liberi, nella libera terra islamica di Palestina, prima che arrivassero i sionisti a massacrarli, grufolavano liberi e selvaggi...

sabato 11 luglio 2015

Un commento di Massimo D'Alema


La bomba al consolato italiano in Egitto rappresenta l’esito drammatico di un percorso in discesa iniziato con la mia estromissione da Ministro degli Esteri ordita da quell’inetto ragazzino toscano, con la complicita’ di qualche settore israeliano del mondo atlantista ebraico, che mal digerisce -da sempre- la mia affermazione secondo cui Hezbollah e’ un partito politico perfettamente legittimo. 
Ma i fatti mi danno ragione, difatti un partito politico perfettamente legittimo come i Fratelli Musulmani ha un settore esplosivi perfettamente legittimo e una ala moderata e ragionevole -Hamas- che accetta le regole del gioco democratico,  e difatti ha vinto le elezioni a Gaza. 
Quando ero Ministro degli Esteri l’Italia aveva un riconosciuto ruolo di mediazione nel conflitto mediorientale e io ricevetti laicamente la benedizione di Monsignor Bum Bum Capucci a suggello del nostro ruolo super partes, poi rovinato da manovre ordite in qualche oscura botteguccia del ghetto romano. 
Al momento non ho altro da dichiarare se non che quando c’ero io i treni arrivavano in orario. 

Nessun commento:

Posta un commento