I sionisti mi han portato via tutto, la casa, il cascinale, la mucca, il violino, la scatola di cachi, la radio a transistor, i dischi di littletoni, la moglie... mi hanno ammazzato anche il maiale! E c'erano tanti maiali liberi, nella libera terra islamica di Palestina, prima che arrivassero i sionisti a massacrarli, grufolavano liberi e selvaggi...

domenica 26 novembre 2017

E ci dicono di pedalare!

La notizia secondo quale la prossima edizione del Giro d'Italia partirà da Gerusalemme ci rende pieni di sconforto e disperazione. 
Lo sport, ricordiamo, dovrebbe unire i popoli. Per questo ammiriamo quei judoka iraniani che scelgono spontaneamente e senza ricevere pressioni di alcun tipo, non farsi contaminare dalla sporcizia sionista sul terreno di gara! Soltanto evitando di riconoscere Israele si può arrivare a pace duratura. Chiediamo a tutti coloro che hanno a cuore la pace tra i popoli di seguire il loro esempio e di isolare, boicottare, marchiare con stella gialla (come usava ai tempi in cui i sionisti erano tenuti sotto controllo) chiunque voglia normalizzare i rapporti tra sionisti, che ricordiamo sono tutti ebrei, e resto del mondo. 
Condanniamo nel modo più assoluto questo tentativo della propaganda sionista di far credere al mondo che gli ebrei avrebbero dei diritti a Gerusalemme (o comunque, dei diritti e basta). Il popolo palestinese soffre le conseguenze di una occupazione iniziata ai tempi del Re Davide, ad opera di questi stranieri, gli ebrei, che sono la maggioranza della città senza avere alcuna connessione con il luogo! E' noto infatti che la Bibbia è un racconto di fantasia scritto da ebrei e fondamentalisti protestanti per giustificare l'occupazione della Palestina, lo sterminio dei nativi americani, il colpo di Stato in Cile e la morte di Elvis Presley. 
Facciamo nostre le accorate parole dell' on Massimo D'Alemullah. "I palestinesi – rimarca l'ex titolare della Farnesina - sono abbastanza colpiti di come progressivamente, nel corso degli anni, l'Italia dall'essere uno dei Paesi più impegnati per la ricerca di una soluzione, a sostegno della causa palestinese, sia finita per diventare uno dei Paesi più allineati con le posizioni della destra israeliana, e a loro non sia più permesso portare a termine brillanti azioni quali le nonviolente manifestazioni all'aereoporto di Fiumicino e soprattutto il pacifico assalto alla sinagoga di Roma. Quando la sinistra era vera sinistra, e i mulini erano bianchi, e le bandiere rosse, operazioni come questa venivano precedute da manifestazioni sindacali che deponevano bare sui gradini delle sinagoghe! E successivamente la bara diventava piena, con il cadavere di un giovane ebreo, avvicinando così la soluzione del conflitto!"
In maniera del tutto pacifica facciamo presente agli organizzatori della gara che da quelle parti le cose sono pericolose e qualcosa di cattivo potrebbe sempre succedere a loro o alle loro famiglie, se non si associano al boicottaggio pacifico e moderato che stiamo portando avanti fin dagli anni Trenta. 
Ed infine non possiamo che esternare il nostro disappunto di fronte alla chiara provocazione che le elite mondialiste e globaliste che regnano sullo sport italiano, le quali rispondono al pianto secolare del popolo palestinese con un volgare "ci state minacciando? Ma andate a pedalare!".



Comitato Macellai Vegani; Collettivo Femministe con burka Haramshuk; Allievi del Maestro Leonardo; Ovadia De Monas, presidente della Sinagoga "Muftì di Gerusalemme";  Associazione gay iraniani "Ahmadinedjaad sei figoooh"; Comitato per la cittadinanza onoraria sovietica a Gideon Levy.  

Nessun commento:

Posta un commento